germania conia nuova moneta da 5 euro

La Germania conia una nuova moneta da 5 euro

La Germania ha davvero coniato una nuova moneta parallela all’euro dal valore di 5€ valida solo all’interno dei confini della Germania?

Il sistema monetario internazionale è un pochino complicato e la risposta a questa domanda, è un pochino più complicata di semplice Si e No.

La risposta più semplice che possiamo dare è non proprio. Non si tratta infatti di una vera e propria moneta nuova, si tratta invece di quello che potremmo definire un vettore monetario, ovvero di uno strumento fisico per garantire liquidità (moneta fisica) a denaro presente su un conto corrente, ed è stato distribuito in quantità limitata.

Per essere più precisi, sono state messe in circolazione monete 2,25 milioni di monete, dal valore unitario di cinque euro, per un valore complessivo di 11,25 milioni di Euro, ma questi 11,25 milioni di euro, non sono stati creati dal nulla, la Germania ha infatti posto a garanzia di queste monete, un fondo dal valore di 11,25 milioni di euro.

Non è un calcolo complicato, ci sono 2,25 milioni di “monete“, che hanno un valore fisso, ovvero 5€ e se si moltiplica 2,25 milioni, per 5 si ottiene 11,25 milioni, che è l’equivalente del valore complessivo di moneta in circolazione. Questo complicato calcolo può farlo anche la vostra nipotina di sette anni che, a differenza della figlia di qualcuno che già sapeva farle a 2 anni, ha imparato a fare le moltiplicazioni solo di recente.

11 Milioni e un quarto, questo l'ammontare della "nuova moneta" messa in circolazione dalla Germania

Esempi di monete che funzionano come la nuova moneta tedesca

Ciò che ha fatto la Germania, non è qualcosa di nuovo, non ne di anomalo, ne di illegale o irregolare, è un qualcosa che potrebbe fare chiunque, anche io, a condizione di rispettare determinate regole.

Fiches dei Casinò

Il Casinò Bellagio di Las Vegas, nella propria cassaforte, custodisce in media 15/20 Milioni di Dollari, il Casinò Wyn, sempre a Las Vegas, custodisce in media più di 20 Milioni nella propria cassaforte, il Casinò Sands di Macao (Cina) custodisce in cassaforte più di 30 Milioni di Dollari, mentre il casinò di Venezia, custodisce in cassaforte circa 10 Milioni di €.

Perché vi do questa informazione?

Perché i casinò, per legge, ormai in tutto il mondo, hanno l’obbligo, di garantire una copertura a tutte le proprie fiches in circolazione. Ciò significa che, se il casinò di Venezia, per fare un esempio Made In Itlay, ha in circolazione, tra sale private e slot, più circa 10 milioni di € in Fiches, il banco di cambio che vende e riacquista le fiches, deve poter riconvertire in Euro, in qualsiasi momento, tutte le fiches in circolazione, di conseguenza, nella cassaforte del casinò, devono esserci almeno 10 milioni di euro.

Le fiches del casinò di Venezia, hanno un valore minimo di 0,5€ ed un valore massimo di 500€, ma hanno un valore solo ed esclusivamente entro le mura del Casinò di Venezia, fuori dal casinò sono solo dei dischi di plastica o metallo, privi di alcun valore, se sono a Venezia e ho 1000€ in fiches del casinò di Venezia, e vado in un ristorante fuori dal Casinò, non ci posso comprare neanche una bottiglia d’acqua.

La Cryptovaluta di Napoli

Nel 2018 Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, ha annunciato la creazione di una cryptovaluta basata su tecnologia blochchain e garantita dal comune di Napoli, de facto la prima cryptovaluta coniata da una “città”.

La crypto creata a Napoli ha un valore fisso di 1€, ed è stata messa in circolazione, nel solo territorio di napoli, nel 2019 in quantità limitata.

La quantità di cryptovaluta napoletana in circolazione era limitata all’equivalente del capitale presente in un conto posto a garanzia della moneta, così che il Comune, in qualsiasi momento, avrebbe potuto convertire quella moneta virtuale, in euro, e, all’aumentare del capitale nel conto (grazie agli interessi di questi) sarebbero aumentate progressivamente le cryptomonete in circolazione.

I Testoni di Santo Stefano di Magra

Ogni anno, intorno all’ultimo Weekend del mese di Luglio, nel comune ligure di Santo Stefano di Magra, si svolge una rievocazione storica, in costume, alla quale sono sempre ben felice di andare (solo come visitatore perché non mi invitano :'( ), si mangia bene, si beve del buon vino, ma soprattutto, si paga tutto in Testoni, ovvero delle monete che hanno valore solo ed esclusivamente durante la fiera, che sono state realizzate in collaborazione con la banca e che sono “garantite” da un fondo temporaneo.

Le Monete che vedete raffigurate in foto sono rispettivamente un testone ed un mezzo teston, il testone vale 2€ mentre il mezzo testone vale 1€.

Quando si arriva alla fiera, alle due entrate del paese ci sono dei chioschi di cambio, dove, alcuni operatori, “vendono” ai visitatori questi testoni, e rilasciando loro una ricevuta in cui si attesta quanti testoni sono stati acquistati.

Con i testoni, che nella fiera sono delle vere e proprie monete, con un valore reale, si può acquistare di tutto, cibo, souvenir, bevande, persino lasciare la mancia ai camerieri dei locali, ma, fuori dalla fiera, e fuori dalle ore della fiera, quelle monete non valgono assolutamente nulla. Sono semplici oggetti, dischi di metallo. Non sapendo quanto una persona spenderà molto spesso succede che qualcuno acquisti più testoni del necessario, di conseguenza, è possibile riconvertirli in euro, presso il chiosco di cambio, e ricevere l’equivalente in euro dei testoni rimasti.

Detto più semplicemente, se vado al chiosco, compro 10 testoni (quindi 20€) e dopo aver mangiato e bevuto, mi rimangono 5 testoni, posso tornare al chiosco, consegnarli, dimostrare di averli acquistati riconsegnando la ricevuta di cambio che mi è stata consegnata all'inizio, e avere in cambio l'equivalente in euro di 5 testoni, ovvero 10€.

L’ultima volta che sono stato alla fiera Santo Stefano di Magra, io e mia sorella abbiamo deciso di conservare dei testoni, perché erano molto belli, quindi, quando è stato il momento di riconvertirli abbiamo consegnato parte dei testoni rimasti, meno un testone e un mezzo testone, che sono per l’appunto quelli presenti in foto.

Quelle monete, durante la fiera, hanno valore perché sono sono garantite da denaro reale, posto a garanzia dei testoni, al momento dell’acquisto, in questo modo, nelle casse del chiosco, c’è sempre l’equivalente monetario dei testoni messi in circolazione, sia quelli messi in circolazione durante quella sera e quella fiera, sia di quelli non rientrati durante le fiere precedenti. In questo modo, Chiunque abbia dei Testoni, il cui numero e valore, sono fissi e limitati, può riconvertirli in euro in qualsiasi momento.

Il Luigino di Seborga

Il Comune di Seborga, in provincia di Imperia, in Liguria, è un piccolo comune di poco meno di 300 abitanti, che, qualche anno fa, nel 2010, ha coniato una propria moneta interna chiamata Luigino, in onore dell’amatissimo sindaco della città, acclamato “principe” dalla comunità locale, e il comune si è autoproclamato principato, ma solo formalmente, de facto non lo è, non è un vero principato autonomo e indipendente.

Il Luigino è una moneta locale, priva di alcun valore reale fuori dal comune di Seborga, ma garantita da un fondo comunale, che assicura la totale copertura di tutti i luigini in circolazione. Un Luigino ha un valore unitario di 6€ e il comune ha immesso poche migliaia di monete, per l’equivalente di poche decine di migliaia di euro, che sono depositati, su un conto corrente posto in garanzia delle monete in circolazione.

Il Luigino non è un alternativa all’euro, ne punta a gettare le basi di un sistema economico parallelo e indipendente, anzi, al contrario, è una moneta fittizia basata e derivata dall’euro, poiché il suo valore è fissato al valore dell’euro e le monete in circolazione sono limitate dalla quantità di denaro corrente (euro) depositato in garanzia di questa moneta.

Detto più semplicemente, se sul conto in garanzia del luigino ci sono 6000€ allora in circolazione possono esserci al massimo 1000 luigini.

I Buoni spesa garantiti per i comuni italiani

Anche l’italia, durante l’emergenza in corso, ha utilizzato uno strumento simile, introducendo dei buoni spesa, dal valore unitario di 50 euro, che sono stati affidati ai sindaci e alla gestione comunale, così da garantire liquidità alle famiglie.

Quei buoni, non hanno un valore reale, sono semplicemente dei codici univoci, generati da un sistema certificato che garantisce l’emissione di un codice unico, e ad ogni codice è stato assegnato un valore costante. Quei codici hanno valore economico perché parallelamente, è stato creato un fondo di garanzia, per cui, in qualsiasi momento, quei codici possono essere convertiti in denaro corrente, ovvero euro.

Ciò che è successo è che l’italia ha creato un conto contenente una certa quantità di denaro, ed ha dato ai comuni la possibilità di distribuire il denaro presente nel conto, attraverso dei codici, limitati, il cui valore complessivo equivale alla quantità esatta di denaro presente nel fondo di garanzia, in questo modo, i commercianti, possono che hanno accettato quei buoni, possono riconsegnare il codice allo stato e avere in cambio del denaro reale.

Altri esempi

Potrei fare innumerevoli altri esempi, come ad esempio i vecchi gettoni telefonici, o i gettoni e tagliandi dei Lunapark, con i quali, all’interno del lunapark, si possono effettuare degli acquisti, ma con i quali, fuori dal lunapark, ci si può solo limitare a guardarli, se particolarmente belli.

Ma forse è più semplice limitarsi ad esporre il principio di base di questi sistemi.

In tutti i casi presentati, dalle fiches ai gettoni telefonici, non è stato creato del nuovo denaro, non sono state create nuove monete reali, ma è stato creato del “denaro fittizio” come i soldi del monopoli, sono state creati degli strumenti che permettono di circoscrivere l’uso di una quantità fissa di moneta in un area ristretta, in modo che quella moneta vada in circolazione senza alterare i delicati equilibri economici.

L’utilizzo di questi strumenti limita le possibilità di circolazioni “illegali” di moneta, poiché quelle monete hanno valore solo in un area circoscritta, la cui ampiezza è definita dal garante, e generalmente per un periodo limitato di tempo, non ha dunque alcun senso accumulare queste monete, e ciò ne facilita la circolazione.

Esistono tuttavia, monete “parallele” illegali, come la Lira Italiana, la vecchia e cara lira, ormai fuori corso da oltre 20 anni, e pure, ancora in circolazione.

La criminalità organizzata ha infatti costruito un sistema “bancario” parallelo, in cui alcune organizzazioni criminali fanno da garanti alla quantità di lira in circolazione e questa moneta parallela viene utilizzata, per semplificare pagamenti clandestini.

Questo sistema illegale è stato costruito nei primi anni duemila, ed è basato su un vecchio sistema, semi illegale, basato su dollari fuori corso di stampa, molto diffuso negli anni ottanta e novanta.

Il funzionamento della “nuova moneta” tedesca

Questa “nuova moneta” messa in circolazione dalla Germania, funziona esattamente allo stesso modo delle Fiches dei casinò, dei Testoni della fiera di Santo Stefano di Magra, della Cryptovaluta su base blockchain del comune di Napoli, del luigino di Seborga, dei buoni spesa non sono altro che delle Fiches prodotte dal governo, garantite da un Fondo Speciale in cui c’è l’equivalente delle monete in circolazione, in questo modo, può, in qualsiasi momento riconvertire quelle monete in denaro reale.

Può farlo solo la Germania? no, può farlo letteralmente chiunque, a condizione che possa garantire un valore reale a quello strumento fittizio e soprattutto, che possa garantire un emissione limitate, finita, di “moneta”.

Lo ha fatto persino Facebook con la creazione della Cryptovaluta Libra, garantita da un fondo speculativo, lo ha fatto, circa due anni fa, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, lo fanno ogni anno, gli organizzatori di una rievocazione storica che si tiene a Santo Stefano di Magra, in provincia di La Spezia, In liguria, nell’ultimo weekend di luglio, lo ha fatto il sindaco di Seborga, e lo fanno i direttori di Casinò e organizzatori di fiere di tutto il mondo.

La Germania ha adottato lo stesso principio, ha creato una quantità limitata di monete e le ha messe in circolazione, creando un fondo di garanzia che permette a chiunque, in qualsiasi momento, in Germania, di convertire quella moneta semi virtuale in moneta corrente, ovvero euro.

La Germania, non ha creato 11,25 Milioni di euro, la Germania ha preso 11,25 Milioni di euro e li ha distribuiti con una moneta fittizia, un supporto diverso dalla classica moneta, mettendo però allo stesso tempo, da parte, l’equivalente in euro di quella cifra, costituendo per l’appunto il fondo di garanzia della nuova moneta semi-virtuale, il cui valore e espresso in euro.

Conclusioni

La Germania avrebbe potuto distribuire quegli 11,25 milioni in tanti modi diversi, come dei Buoni spesa, o codici univoci, affidati ai comuni, esattamente come ha fatto l’Italia, avrebbe potuto metterli in circolazione sotto forma di cryptovaluta basato su tecnologia blockchain, come ha fatto il comune di Napoli, avrebbe potuto metterle in circolazione utilizzando un sistema che i Casinò di tutto il mondo utilizzano da oltre due secoli, o avrebbe potuto adottare un sistema simile a quello delle fiches, come il sistema utilizzato alla fiera Santo Stefano di Magra da diversi anni e nel comune ligure di Seborga, sempre in liguria, in provincia di Imperia, ed è stato proprio questo il sistema adottato dalla Germania.

Volendo essere puntigliosi la Germania non ha creato una nuova moneta, perché la moneta immessa è garantita da un conto in Euro, e dunque quella moneta è una forma locale, e limitata, di euro, esattamente come le Fiches dei Casinò. Se dicessimo che la Germania ha creato una nuova moneta, allora, per coerenza logica, dovremmo dire che i casinò di tutto il mondo sono dotati di una propria moneta. Il che è in parte vero, ma solo se ci si riferisce a quel micro ambiente interno ai casinò, per cui quella moneta ha valore, ma, non avendo alcun valore esterno, per cui, fuori dal casinò, dalla città, dalla fiera, quella moneta non vale nulla.

La Germania, non ha quindi creato una nuova moneta, ciò che ha fatto è stato creare è un fondo di garanzia, in cui il governo tedesco ha depositato 11,25 milioni di euro (l’equivalente del valore complessivo delle monete) e poi ha messo in circolazione delle monete fittizie, che hanno valore solo per un periodo di tempo limitato e un area circoscritta (la Germania), e possono essere riconvertite in moneta corrente (euro) in qualsiasi momento, finché la moneta è in corso di validità, solo attraverso banche fisicamente presenti in Germania, perché, solo le banche che si trovano in Germania possono interfacciarsi con il fondo di garanzia, e quindi restituire le monete allo stato e avere in cambio del denaro reale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi