fbpx

FESTIVAL DI SANREMO, tra musica, storia e civiltà

Il festival di Sanremo è lo specchio che riflette la società italiana nella sua interezza, nella sua mediocrità, nella sua banalità e nella sua complessità. lo è da sempre, fin dalla prima edizione e lo sarà per sempre.

Quest’anno però mi è sembrato forse più autentico, più genuino, rispetto al passato, ho visto un festival in cui la musica, questo potente strumento di comunicazione universale, era posto al centro dell’attenzione e anche se, come spesso accade, molte delle canzoni in gara non hanno incontrato il mio gusto, devo riconoscere che quest’anno ho addirittura apprezzato cinque canzoni su ventiquattro, possono sembrare poche ma vi assicuro che in realtà cinque è molto al di sopra della mia media, da quando seguo seriamente sanremo, negli ultimi 10 anni circa, solitamente ho apprezzato forse due o tre dei brani in gara.

Ascolta il mio podcast, L’osservatorio, ogni Lunedì, giovedì e Sabato alle 08:00 su Spotify, iTunes e google Podcast

Non voglio dilungarmi in discorsi sul gusto musicale, perché il gusto fortunatamente non è universale e viviamo in un mondo e in un epoca in cui quello che piace a me non deve necessariamente piacere anche a te e per quanto riguarda la canzone vincitrice, ammetto che ascoltandola non ha incontrato il mio gusto, avrei preferito se avessero vinto altre canzoni in gara, mi piaceva molto quella di Simone Cristicchi e quella di Loredana Bertè (anche se l’ho preferita interpretata da Irene Grandi), ma questi sono gusti, e come già detto, dei miei gusti non voglio parlare.

Quanto alla canzone vincitrice, voglio portare l’attenzione su un tweet di Elisa Isoardi che nel commentare la vittoria di Mahmood ha scritto

Elisa Isoardi su Twitter

Mahmood ha appena vinto il festival di Sanremo. La dimostrazione che l’incontro di culture differenti genera bellezza.

e non potrei essere più d’accordo di così neanche se lo volessi, perché le parole di Elisa Isoardi, propongono una chiave interpretativa importantissima e fortissima per la nostra epoca e la nostra società, e attraverso Sanremo, lanciano un messaggio positivo estremamente importante, l’incontro di civiltà, l’incontro di culture differenti genera progresso e bellezza, lo scontro tra civiltà provoca morte e distruzione, e in quest’epoca permeata da conflittualità e da innumerevoli scontri di civiltà, forse dovremmo prestate un po’ più attenzione alla bellezza che ci circonda e alle meraviglie che gli incontri di civiltà possono produrre.

Forse, dovremmo cercare di riproporre più spesso e più frequentemente le meccaniche dell’incontro di civiltà piuttosto che riproporre conflittualità, rivalità e scontri tra civiltà, scontri che per secoli hanno limitato la capacità espressiva dell’umanità, e probabilmente, se oggi siamo ancora bloccati sul nostro piccolo pianeta e non abbiamo ancora colonizzato il sistema solare o raggiunto stelle vicine, è perché l’umanità, per secoli, si è impantanata in lunghe stasi epocali, che hanno frenato l’avanzata culturale dell’intera umanità, facendoci perdere almeno mille anni di progresso, arte, conoscenza e saggezza.

Dall’incontro di civiltà, per secoli sono scaturite bellezza e saggezza, l’incontro di civiltà da sempre è stato alla base del progresso scientifico e culturale della specie umana, e in un epoca in cui l’umanità si affaccia oltre i confini del proprio pianeta d’origine, forse è il caso che impariamo, a superare le divergenze culturali tra popoli, perché solo così, forse, potremmo accettare la verità che l’umanità è una sola ed è forse l’unica specie di questo pianeta che rischia l’auto estinzione prodotta attraverso lo scontro di civiltà.

Dagli scontri di civiltà non è mai venuto nulla di buono, e se i libri di storia non sono una lettura per chi è debole di stomaco, se i libri di storia sono ricolmi di congiure, insurrezioni, brutali massacri e guerre totali, è perché molto spesso l’umanità ha anteposto egoistiche ambizioni personali al bene collettivo dell’intera umanità.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi